U' Cucciddatu: Pane Catanese


"U' Cucciddatu" è una profumatissima ciambella di pane della tradizione culinaria siciliana.
Viene così chiamato proprio per la sua caratteristica forma a ciambella e molti siciliani amano mangiarlo "cunzatu", ovvero condito. Olive nere, sale, peperoncino, un filo di olio di oliva e perchè no...pecorino stagionato e via in forno per poi gustarlo in tutta la sua bontà.
Soffice e saporito, dalla cucina si sentiva un buon odore di pane e al mio maritozzo è piaciuto. Quindi mi posso ritenere soddisfatta! Comunque la ricetta che leggerete è stata presa da un sito di cucina, forse l'unico che possiede questa ricetta (vedi sito). Ho seguito passo passo la ricetta apportando però alcune modifiche come: la sostituzione del lievito madre, infatti ho utilizzato il lievito a cubetti e l'aggiunta dello zucchero, per il resto ho seguito la ricetta. Ma bando alle ciance ed eccovi la ricetta:
Ingredienti:
- 500 gr di farina di semola rimacinata Molino Chiavazza)
- 25 gr di lievito
- 1 cucchiaino di zucchero
- 8 gr di sale
- 250 gr di acqua tipida

Tempo di preparazione: 35 minuti
Tempo di lievitazione: 7 ore e 30 minuti
Tempo di cottura: 1 ora circa

Preparazione:
Disponete sul piano da lavoro la farina a fontana e praticate un buco nel centro.
Sciogliete il lievito in 100 gr di acqua tiepida con un cucchiaino di zucchero e lasciate riposare 5 minuti. Adesso, versate il lievito sciolto nella farina e iniziate ad impastare. Aggiungete poco alla volta l'acqua tiepida rimasta e fatela assorbire tutta  man mano che raccoglierete la farina (questo procedimento potete facilitarlo con l'uso dell'impastatrice).
Impastate per 20 minuti, otterrete così una pasta liscia e molto elastica, quindi mettetela in un contenitore coperta da un panno umido e da una coperta di lana e lasciatela riposare per 1 ora.
Trascorso questo tempo, riprendete l'impasto aggiungete il sale e impastate nuovamente per 15 minuti. Rimettetela di nuovo a lievitare sempre coperta dal panno umido e dalla coperta fino a quando non raddoppia il suo volume, all'incirca 6 orette.
Una volta che l'impasto avrà raggiunto la giusta lievitazione formate una ciambella lavorandola molto rapidamente e lasciatela riposare ancora per 30 minuti.
Riscaldate il forno a 200° e cuocete il pane per 1 ora e 15 minuti. Sfornare la ciambella di pane e lasciate raffreddare. 



Con questa ricetta partecipo al contest "I Pani della Tradizione"


18 commenti:

  1. deve essere molto buono questo pane!!
    brava

    RispondiElimina
  2. grazie per questa ricetta vivo in sicilia ma non la conoscevo!!!un saluto e buon we....

    RispondiElimina
  3. Figurati, per me è stata la prima volta che lo preparavo! Un buon week end a te!

    RispondiElimina
  4. la conosco,mia suocera la faceva spessa prima...grazie per la ricetta,appena cambio il forno la faccio...in bocca al lupo,un bacione:)

    RispondiElimina
  5. Hai fatto benissimo a stostituire il lievito madre....ma insomma....io non c'ho voglia di stare giorni e giorni dietro al lievito e poi fallo rinvenire,e poi rimpastalo...ma che palle.

    RispondiElimina
  6. Ciao Renee :) Deve essere buonissimo, segno la ricetta! :D Un bacione e complimenti, buon weekend :**

    RispondiElimina
  7. Molto bello e tanto buono! Bravissimo!!!!

    RispondiElimina
  8. ciao,
    sono felice di assegnarti un riconoscimento in segno di stima; ti aspetto per ritirarlo
    buona serata
    anna

    RispondiElimina
  9. Io l'ho mangiato per la prima volta in un piccolo localino sulla strada che porta da Lentini a Siracusa.Il pane cunzatu....un sapore indescrivibile!Grazie per la ricetta.Il vostro pane ha qualcosa di speciale,di magico.A mio marito il pane della sua amata Catania manca da impazzire!
    Un abbraccio
    Monica

    RispondiElimina
  10. ciao cara, piacere io mi chiamo Vanna,e sono felice di essere passata da te! trovo il tuo blog molto interessante e quindi mi sono unita, se ti va di venire da me mi fa molto piacere, a presto! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

    RispondiElimina
  11. Eh si cara Monica, il nostro come tanti altri ha un sapore speciale, che solo chi è panettiere conosce i trucchi per renderlo tale! Posso capirlo a tuo marito per me è lo stesso!

    RispondiElimina
  12. Ciao Giovanna ma che piacere che ti sei unita al mio blog, benvenuta! Ma certo che ricambio la visita è sempre bello coprire blog nuovi :)

    RispondiElimina
  13. Buongiorno. Per caso ho visto questo blog. Non conosco gli ingredienti della ricetta ma dalla foto posso dirvi che il colore della mollica è giusto, forse un po troppo fitta. Però così è decisamente crudo. U cucciddatu è un pane con una crosta dura ed un interno bello morbido. Di fuori prende un colore bello marrone e per circa 1 mm deve essere così. PC. sono di Catania e l ho appena comprato eheheh, è il pane di casa che compro abitualmente per cene e arrostite di carne con amici

    RispondiElimina
  14. Buongiorno. Per caso ho visto questo blog. Non conosco gli ingredienti della ricetta ma dalla foto posso dirvi che il colore della mollica è giusto, forse un po troppo fitta. Però così è decisamente crudo. U cucciddatu è un pane con una crosta dura ed un interno bello morbido. Di fuori prende un colore bello marrone e per circa 1 mm deve essere così. PC. sono di Catania e l ho appena comprato eheheh, è il pane di casa che compro abitualmente per cene e arrostite di carne con amici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la nota sulla crosta ;) era la prima volta che mi cimentavo in questo tipo di pane. La prossima volta lo terrò presente.
      Buona giornata!

      Elimina
  15. Da buona siciliana e catenese posso dire che questa è la miglior ricetta che io abbia mai trovato qui sul web.Ne ho provate tante di ricette,ma questa è la migliore in assoluto e l'unica che si avvicina al nostro tipo di pane,al pane che facciamo noi in sicilia.Ottimo cucciddatu :) provate!consigliata!

    RispondiElimina
  16. Dimenticavo,io l'ho fatto cuocere un po' di piu',in quanto u cucciddatu deve essere ben cotto fuori e non crudo o comunque bianchiccio..ovviamente l'ideale sarebbe cuocerlo nel forno a pietra,ma mi accontento del mio fornetto ventilato! Bye!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Sono felicissima del tuo commento! Certo con un forno a pietro sarebbe tutta un'altra cosa, ma ci accontentiamo. Un bacione alla prossima!

      Elimina

A causa di continui spam sono costretta a verificare l'autenticità dei commenti e quindi per una maggiore sicurezza vi prego di commentare e di inserire il test di verifica.
In questo modo potrete commentare tutti, anonimi compresi, ed evitare gli spam.
Grazie e a presto!